All News

I numeri record del gaming online, il settore che non conosce crisi

I numeri record del gaming online, il settore che non conosce crisi.
Il gioco online continua a far ben sperare grazie ai numeri estremamente positivi in tema di bilanci, profitti e crescita. C’è da dire che il settore, negli ultimi mesi, ha avuto la sensazione di camminare su un sentiero impervio a causa della discussione in aula del noto Decreto Dignità che provoca qualche perplessità soprattutto in corrispondenza degli articoli dedicati al gioco. I report dei primi mesi del 2019 mostrano dati estremamente positivi perché, al contrario dei timori, gli italiani amano molto l’intrattenimento derivante dal gioco online su piattaforme come netbet.it In esso gli utenti amano investire piccole somme con l’auspicio di guadagnare qualche piccola somma derivante da fortunate vincite. In questo senso verte l’approvazione e la ratifica della Convenzione di Magglingen grazie alla quale l’Italia entra a far parte di un accordo di cooperazione internazionale per limitare e contrastare le attività illecite riguardanti le scommesse online.

L’Europa e il centro fondamentale del gioco online.

Agimeg ha rilevato come il 2018 sia stato un anno molto importante per i ricavi derivanti dal gioco e dalle scommesse. Difatti questi sono stati pari a circa 44 miliardi tra i quali il 60% è frutto e opera dei cosiddetti “mercati bianchi”, ovvero quelli legali e correttamente tassati. L’11% dei ricavi globali proviene proprio dalle piattaforme virtuali e questa percentuale è destinata a salire fino al 15% entro il 2023. L’Europa è il maggior centro di gioco perché il flusso dei ricavi europei è pari al 75,1% dei proventi globali. Tra le attività di gioco che le persone preferiscono in media ci sono al primo posto le scommesse sportive, i giochi da casinò, le lotterie, il bingo e gli skill game. A questi inizia a raggiungere risultati interessanti la scommessa live, cioè il sistema di scommesse che si attiva ad evento sportivo in corso. Il dato più interessante riguarda la crescita di quest’ultima attività di gioco che potrebbe sfiorare introiti pari a 15 miliardi entro il 2023.

Un anno di vincite fortunate per gli italiani.

Oltre che amanti del gioco gli italiani sono anche molto fortunati. Le scommesse virtuali in termini di spesa sono state pari ai 70 milioni di euro nei soli mesi di gennaio, febbraio e marzo 2019. Anche le vincite non sono da meno perché nel primo trimestre sono state pari a 358,7 milioni di euro totali. Le maggiori spese in scommesse sono state fatte, in ordine, nelle città di Napoli, Roma ed infine Milano. I report di Agimeg sono molto interessanti anche dal punto di vista della distribuzione dei ricavi che, come visto poc’anzi, sono maggiormente concentrati in Europa. All’Italia va il merito dell’annata da record del 2017 rispetto alle scommesse sportive con un giro economico di 10 miliardi di euro a fronte di 8,6 miliardi di euro di vincite. Questo dato sarebbe da far risalire ai turni delle partite di serie A che si sono svolti durante le feste natalizie e che hanno visto impennare le scommesse sportive, sia tradizionali che virtuali.

In alto