All News

Regione BB.CC.: Il Cobas/Codir chiede il pagamento degli arretrati al personale.

Palermo – “Il sistema dei pagamenti del Personale dei beni culturali si trova insabbiato nella palude della macchina regionale nell’apparente incertezza di procedure di comunicazione e di trasmissione degli atti propedeutici necessari per il pagamento di quanto dovuto.”

A dichiararlo sono Michele D’Amico, responsabile regionale per le politiche dei beni culturali del Cobas/Codir, e Simone Romano coordinatore regionale del Cu.Pa.S./Codir (Custodi del Patrimonio Culturale Siciliano), movimento che aderisce al Cobas/Codir.

Con il ‘palleggiamento’ di documentazione da un dipartimento all’altro (beni culturali e funzione pubblica) – introdotto con la deleteria ristrutturazione dal governo Crocetta – si produce un insostenibile ritardo nei pagamenti del salario accessorio del personale dei beni culturali: si attende il pagamento di prestazioni a partire dal 2017, tutto il 2018 e il primo trimestre del 2019.”

A tutto ciò si aggiunge – proseguono D’Amico e Romano – un incomprensibile comportamento del dirigente generale del Dipartimento beni culturali che, dopo avere incassato i risultati di un accordo sindacale sottoscritto il 13 luglio 2018 sembra sottrarsi all’incontro con le Organizzazioni Sindacali, con continui rinvii dell’incontro con i sindacati per fare il punto della situazione e avviare i relativi pagamenti.”

Ricordiamo – aggiungono D’Amico e Romano – che tale accordo ha permesso non solo il superamento del limite contrattuale sui festivi e sulle festività nazionali (con il chiaro scopo di favorire una maggiore fruizione dei siti culturali e una remunerazione supplementare per i lavoratori, circa 1.200 unità di personale delle aree di vigilanza, fruizione e amministrativa, che hanno aderito a questo modello contrattuale) ma, anche, il raggiungimento di uno dei suoi obiettivi impartiti dell’assessore al ramo, il compianto Sebastiano Tusa.”

Sia chiaro che – concludono D’Amico e Romano – in mancanza dell’immediato pagamento di quanto dovuto e del perdurare di questa situazione di stallo aggravata dalla mancanza di volontà di dialogo del dipartimento Beni Culturali, il Cobas/Codir e il Cu.Pa.S/Codir si vedranno costretti ad avviare una serie di lotte sindacali che rischierebbero di mettere in discussione la fruizione dei siti culturali siciliani nei festivi e nelle festività nazionali a partire dalle vicine festività pasquali.”

In alto