Magazine

Binetti (Ap): Fare buona legge su educatori sanitari

Roma – “C’e’ un bisogno crescente di assistenza per i pazienti che si scoprono sempre meno autonomi e piu’ bisognosi di cure che non sono di tipo farmacologico, ma relazionale ed educativo.

Qualcuno che insegni loro a vivere nella loro casa, con la loro famiglia, sfruttando strategie e tecnologie disponibili. Sono esigenze che si collocano in una terra di mezzo, che richiede al governo precise politiche di tipo socio-sanitario e rimanda alla formazione di profili professionali che abbiano competenze di entrambi i tipi. Competenze di tipo sanitario, necessarie ma insufficienti, che vanno integrato con competenze di tipo piu’ spiccatamente sociali, piu’ flessibili e orientate ad una qualita’ di vita soddisfacente.

Tra i protagonisti di questa piccola rivoluzione, che potrebbe spostare l’asse di cura dall’ospedale al territorio, sono gli educatori professionali, laureati in facolta’ di Medicina con uno corso di laurea abilitante, con un tirocinio di tipo professionalizzante di 1.500 ore. Sono professionisti competenti, formati con uno stile didattico di tipo tutoriale, possibile perche’ in ogni corso non ci sono piu’ di 40 studenti e ognuno di loro ha la possibilita’ di seguire un percorso fortemente personalizzato”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti deputata di Area popolare, Ncd – Udc.

“Il ddl in discussione alla Camera dei deputati sulla figura dell’educatore sta cercando punti concreti di convergenza e di distinzione tra loro e i colleghi laureati in Facolta’ di Scienze dell’educazione, che hanno una analoga passione educativa, ma percorsi curriculari molto diversi. Sono piu’ orientati ai contesti scolastici e culturali; impegnati in azioni di integrazione socio-culturale sui territori in cui la crescente complessita’ sociale pone nuovi ed inediti interrogativi.

La loro sinergia potra’ essere un importante fattore di arricchimento in citta’ metropolitane in cui le periferie richiedono interventi mirati sui problemi specifici che li’ sorgono, per evitare quell’esplosione di disagio e di violenza che cosi’ drammaticamente sta esplodendo in questi giorni. Se i primi sono piu’ orientati alla riabilitazione questi ultimi sono piu’ impegnati sul fronte della prevenzione. Ma gli uni e gli altri sono preziosi per il benessere cittadino. E questo basterebbe per auspicare l’approvazione di una buona legge per gli Educatori”, conclude.

Fonte : Dire.it

In alto