Cronaca

Pietraperzia e Barrafranca: controlli straordinari del territorio da parte dei Carabinieri

Dall’inizio del mese di marzo sono stati intensificati i controlli da parte dell’Arma dei Carabinieri nel territorio dei Comuni di Pietraperzia e Barrafranca, grazie anche all’impiego quotidiano dei militari della Compagnia d’Intervento Operativo (C.I.O.) inquadrata nel 12° Reggimento Carabinieri di Palermo. In particolare, nella giornata di ieri sono state effettuate varie perquisizioni e controlli anche di natura amministrativa con l’impiego dei reparti speciali dell’Arma. Nel dettaglio a Barrafranca le perquisizioni effettuate dai militari della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina congiuntamente ai colleghi della C.I.O. di Palermo e al Nucleo Cinofili di Nicolosi permettevano di  trarre in arresto Bonfirraro Giuseppe, il quale all’interno della propria abitazione utilizzando una serra costruita in una stanza, coltivava oltre 50 piante di cannabis indica alte 1,30 mt.

Ancora, sempre nella mattina di ieri, i militari della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina congiuntamente ai colleghi della C.I.O. di Palermo, del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Enna e del Nucleo Carabinieri Antisofisticazioni e Sanità di Catania, eseguivano una serie di controlli nel territorio del Comune di Pietraperzia che permettevano di riscontare varie irregolarità in aziende zootecniche. In modo particolare, in un’azienda di Pietraperzia sita in C.da Rocche, gestita da D. M. F. di anni 59, su un totale di 309 ovini veniva accertato che 60 di questi erano sprovvisti di sistema di identificazione.

Inoltre, veniva riscontrata la presenza di tre lavoratori in nero, elevando sanzioni amministrative per un totale di 36.000 euro.  L’azienda, infine, veniva sequestrata cautelativamente per ulteriori accertamenti sanitari, in considerazione delle precarie condizioni igieniche in cui versava.

 

In alto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com