Gustovagando

Agricoltura: Bio distretto dei Nebrodi, presentate a Firenze le linee guida

Sono state presentate nei giorni scorsi a Firenze, in occasione dell’assemblea annuale dell’associazione Città del Bio, le Linee guida per la formazione del Piano strategico del Bio distretto dei Nebrodi. A presentare il lavoro il vicesindaco di Mirto Luigi Ialuna, consigliere nazionale dell’associazione e l’urbanista Marcel Pidalà che ha coordinato il comitato tecnico del Bio distretto, insediatosi circa un anno fa a Mirto.

L’incontro, svoltosi all’interno della manifestazione FirenzeBio, ha coinvolto diversi amministratori locali di altri Bio-Distretti nazionali e regionali, tra questi quello dei Borghi Sicani, con capofila il Comune di Sambuca di Sicilia, che era rappresentato dall’assessore Giuseppe Oddo, con cui è stato stabilito, insieme al Presidente nazionale dellassociazione Antonio Ferrentino, di creare un coordinamento regionale tra i 4 bio-distretti presenti nel territorio siciliano. Infatti a quello dei Nebrodi e dei Sicani, si aggiungono quelli del Barocco e quello del Simeto.

Un ulteriore passo importante che avvicina diversi territori siciliani fra loro, proiettandoli in un contesto nazionale che pone molta attenzione a questo tipo di programmazione territoriale e che vede il ministero dell’Ambiente direttamente coinvolto ed attento alle circa 30 realtà diffuse nell’intero territorio nazionale.

Il Bio distretto dei Nebrodi, partendo dalle linee guide che individuano i punti critici ma anche di forza, vedrà nelle prossime settimane il coinvolgimento degli oltre 40 Comuni individuati, corrispondenti a quelli inseriti nel Gal Nebrodi Plus e delle loro comunità per sviluppare un vero e proprio piano Strategico. Un piano che è ritenuto fondamentalmente si svilupperà su 6 scenari progettuali strategici: quello dei sistemi locali produttivi, quello delle aree costiere, quello delle fiumare e dei torrenti, della mobilità extraterritoriale, della rete ecologica locale ed infine del riuso e valorizzazione dei centri storici.

Fonte www.economysicilia.it

In alto