Motori

A Palermo ed Enna gli Automobilisti che guidano per meno Km

11.125 chilometri, quanto la distanza che separa Roma dall’Uruguay; questo il chilometraggio medio pro capite che gli automobilisti italiani hanno percorso nel 2016. Il dato emerge dall’indagine di Facile.it  che ha analizzato un campione di oltre 500.000 preventivi compilati da gennaio a dicembre 2016 e i chilometri che gli utenti hanno dichiarato di percorrere in un anno con la loro auto.

Confrontando i dati con quelli dell’anno precedente, emerge che, in media, il chilometraggio è diminuito dello 0,7%, era 11.200 km nel 2015, ma la riduzione non è stata omogenea in tutta la Penisola. A calare maggiormente sono state le distanze percorse dagli automobilisti di 3 regioni; Campania, Piemonte e Toscana.

Quelli che hanno guidato di meno, invece, sono stati i residenti nella provincia di Palermo (9.617 chilometri, appena necessari per arrivare dall’isola fino ad Hong Kong), alle loro spalle gli automobilisti di Enna (9.654 chilometri;

Guardando i dati di utilizzo risulta che appena il 7% degli automobilisti italiani ha preso l’auto principalmente per motivi professionali o per coprire il tragitto casa-lavoro, mentre il 46% per spostamenti nel solo tempo libero; il 47% degli intervistati dichiara di avere del proprio veicolo un cosiddetto uso misto, che unisce le due precedenti modalità.

Riducendo l’analisi alla percorrenza legata alle vacanze, siano esse estive, invernali o weekend lunghi, emerge che nel 2016 i guidatori italiani hanno macinato in media 1.001 chilometri, anche se, quando si tratta di partire in auto, le tipologie di viaggio sono abbastanza diverse da regione a regione. Lombardia e Piemonte hanno la maggiore incidenza di viaggi a lungo raggio, ma in questo caso il dato si spiega con la presenza nelle due regioni di molti “fuori sede” che, soprattutto nel periodo estivo, affrontano lunghi tragitti in automobile per tornare nelle regioni d’origine. Nella maggioranza dei casi chi vive in queste regioni “consuma” il suo chilometraggio semplicemente con un’andata e ritorno fatta in estate mentre per le vacanze negli altri periodi sceglie mezzi diversi (aereo – treno).

L’auto in vacanza è una realtà notevolmente meno usata, invece, nelle regioni meridionali (per ovvi motivi soprattutto nelle due isole) visto che molto spesso chi vive in queste aree non si sposta troppo lontano per i periodi di ferie e, curiosamente, anche nel Lazio dove, a quanto emerge, si preferisce usare l’auto per tragitti più brevi sia all’interno della regione (verso il mare), sia nelle regioni limitrofe. Dai dati sembra che, oltre una certa distanza, i laziali preferiscano lasciare la propria auto in garage.

Di seguito la classifica relativa alle province italiane in cui si è guidato di più, quelle in cui si è guidato di meno e l’elenco delle venti regioni italiane in base al numero di chilometri che gli automobilisti hanno dichiarato di aver percorso nel 2016.

 

Le province dove si è guidato di meno

 

Provincia KM percorsi
Palermo 9.617
Enna 9.654
Ogliastra 9.978
Agrigento 9.982
Piacenza 10.000
Caltanissetta 10.105
Messina 10.155
Massa Carrara 10.351
Genova 10.362
Livorno 10.375


Le province dove si è guidato di più
Provincia KM percorsi

 

Bologna 15.000
Siena 13.884
Bari 13.779
Potenza 12.639
Cuneo 12.631
Perugia 12.559
Iserina 12.487
Arezzo 12.474
Medio Campidano 12.460
Viterbo 12.438

 

 

Regione KM Percorsi nel 2016 Differenza in KM sul 2015 Differenza percentuale
Basilicata 12.469 569 4,80%
Umbria 12.295 -5 -0,10%
Puglia 12.264 -36 -0,30%
Trentino 11.954 254 2,16%
Molise 11.710 510 4,54%
Veneto 11.708 208 1,80%
Emilia Romagna 11.651 151 1,31%
Valle d’Aosta 11.638 738 6,77%
Friuli Venezia Giulia 11.610 110 0,95%
Marche 11.605 205 1,79%
Abruzzo 11.420 -180 -1,60%
Calabria 11.411 -89 -0,80%
Lombardia 11.338 138 1,23%
Piemonte 11.327 -273 -2,40%
Toscana 11.085 -315 -2,80%
Campania 11.018 -582 -5,10%
Sardegna 10.892 492 4,73%
Liguria 10.674 174 1,65%
Lazio 10.506 -94 -0,90%
Sicilia 10.181 -119 -1,20%
Italia 11.125 -76 -0,70%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In alto