Eventi

Consegnato a Tommaso Molara il premio speciale per la cioccolata al circolo Talia di Leonforte

   Già presente nella qualità di giurato per i due concorsi di torte: “La torta più buona” e “La torta più bella”, svoltisi nel lontano 10 agosto 2014 durante la Festa dell’Artista e dell’Artigiano, Tommaso Molara di Valguarnera, vincitore nel 2016 nel concorso mondiale “The star of chocolate” tenutosi presso il salone internazionale della gelateria e pasticceria di Rimini, accompagnato dalla fans ed esperta in gelateria Antonella Galati, il 10 giugno appena trascorso, in occasione della giornata dedicata all’Arte del Bello e del Sano, dagli artisti del circolo Talia Gallier Art di Leonforte ha avuto consegnato il premio speciale al talento per la cioccolata.

   Aver vinto il titolo di campione mondiale di pasticceria e cioccolateria artistica non ha fatto scomparire l’umiltà e l’ottimismo propositivo di Tommaso Molara, che, pur lusingato dal prestigioso premio, si sente motivato a fare sempre meglio e di più perché il suo motto è: “Crederci sempre, non arrendersi mai”, vale a dire “devi credere in ciò che fai, solo così potrai raggiungere i tuoi obiettivi”. 

   Per questo geniale e appassionato pasticciere “l’esperienza senza lo studio vale il 50%. Ciò che fa della pasticceria un’arte è da un lato l’amore, la passione e il talento, dall’altro, la tecnica, la competenza e lo studio.”  Il suo lavoro creativo, innovativo, è rivolto alla realizzazione di nuove composizioni artistiche nel settore della pasticceria, in particolare in quello della cioccolateria.

   Dietro a traguardi di questa dimensione, per Tommaso Molara “c’è sempre tanta passione e tanto amore, ma anche tanto impegno, dedizione, studio e duro allenamento” al punto che per il mondiale si è allenato per nove mesi di fila, venti ore al giorno negli ultimi tre mesi, fino a perdere tredici chili di peso, non dormire per diverse notti e partecipare al concorso con la febbre a 38 gradi.

   Per conquistare il titolo di campione del mondo ha gareggiato con maestri pasticceri provenienti da Austria, Francia, Italia, Giappone, Brasile, India, ricevendo   il prestigioso premio da una giuria di 13 componenti, di cui 9 stranieri e 4 italiani.

   Per Tommaso Molara il cioccolato ha un valore affettivo perché, come ci ha raccontato con il sorriso in bocca e una forte carica di emozione nella voce, era il dolce preferito di sua nonna, alla quale promise che sarebbe diventato campione del mondo. A lei, infatti, ha dedicato il titolo di “The World Champion Pastry and Chocolate Chef”.

   Per raggiungere questo ambito traguardo mondiale, per vincere con pieno merito altri 12 premi, alcuni di livello nazionale, altri provinciali e regionali, per acquisire all’Accademia di Roma con il massimo dei voti il diploma di maestro di pasticceria, Tommaso ha già speso più di 60 mila euro, un notevole sacrificio economico per un giovane di talento che ha investito su di sè, il cui ingegno e attività dovrebbero, invece, essere promossi e finanziati dallo Stato.

   E’ già consulente di prestigiose aziende straniere e italiane di pasticceria e da libero professionista insegna l’arte della pasticceria in tutto il mondo.

   All’età di trentanove anni, il suo sogno nel cassetto è quello di aprire una scuola di pasticceria in Sicilia, possibilmente nella sua amata Valguarnera, dove all’età di dieci anni ha iniziato Il suo percorso nel mondo della gelateria lavorando nei bar locali, sia nei periodi estivi sia quel

In alto