All News

Regalbuto: Gestione del Palazzetto. Il Sindaco Bivona “meno spesa pubblica ”

Regalbuto – Soddisfazione dell’Amministrazione Comunale a guida del Sindaco Bivona per la conclusione di un lungo procedimento inseguito da tempo ed ostacolato da lungaggini burocratiche nel corso di questo anno che hanno comunque permesso di avviare un percorso di regolarizzazione delle strutture sportive mai fatto prima. Si è conclusa infatti la gara ad evidenza pubblica per l’affidamento della gestione del palazzetto dello sport, con l’assegnazione alla società sportiva locale ASD Futsal Regalbuto ai sensi del regolamento vigente. “Finalmente si pongono le basi per una gestione migliorativa e che pone attenzione al generale mondo dello sport con l’iniziativa vincente del privato che ha voglia di scommettersi – dichiara il Sindaco Francesco Bivona –L’affidamento della gestione ad una società sportiva, l’unica ad aver partecipato ad un bando pubblico più volte ricordato a tutte le società sportive di Regalbuto, regolarizza di fatto l’utilizzo della gestione di una struttura dedicata alla sport ed alle attività culturali, sgravando il comune di circa 20 mila euro all’anno di costi generali tra utenze e manutenzioni ordinarie, adesso a carico del gestore, razionalizzando i costi ed offrendo un servizio migliore ai cittadini ed agli sportivi, vero obiettivo finale dell’amministrazione pubblica.” La struttura, affidata secondo le stime economiche dell’ufficio tecnico, continuerà a funzionare come ha sempre fatto in questi anni con una attenzione particolare allo sport ed a tutte le attività della comunità locale, promuovendo iniziative di ogni genere, con giornate durante l’anno riservati alle attività del Comune. “È prevista una continua interlocuzione del Comune con il soggetto gestore. Resteranno garantite tutte le società sportive – conclude il Sindaco Bivona –che continuano a fare sport nel nostro paese con la possibilità di organizzare eventi in maniera più fluida, ma con la responsabilità della gestione di una struttura che resta un fiore all’occhiello della nostra provincia ennese.”

In alto